Chiama il 340.893.0307

Campo di Giove

Arrampicato tra vette, gole e valichi Campo di Giove e' un importante borgo di montagna e una rinomata localita' turistica invernale ed estiva, inserito nella Comunita' Montana Peligna e nel Parco Nazionale della Maiella
Campo di Giove
Campo di Giove
Piazza del paese
Campo di Giove in inverno
Campo di Giove in inverno
Campo di Giove in inverno
Campo di Giove in inverno
Piazza del paese in Inverno
Seggiovia di Campo di Giove
Seggiovia di Campo di Giove
Piste da sci di Campo di Giove
Piste da sci di Campo di Giove

Campo di Giove e' un'apprezzata meta turistica sia durante il periodo invernale sia durante quello estivo.
Impianti di risalita e piste da sci sono immersi in un territorio montano ricco di sentieri, di boschi di faggi, aceri, lecci, pini, betulle e di fantastici scenari da scoprire quando il freddo non e' troppo intenso.

Il territorio e' compreso nel Parco Nazionale della Maiella ed e' caratterizzato dalla presenza di lussureggianti faggete secolari, da boschi profumati in cui si possono raccogliere funghi, frutti di bosco, fragoline, nocciole e da percorsi pianeggianti che si prestano a passeggiate, equitazione, mountain bike, escursioni guidate nel parco.
Infatti il Parco Nazionale della Maiella offre una vasta rete di sentieri escursionistici che raggiungono le cime della Maiella, percorribili durante i periodi primaverili, estivi e autunnali.

Il centro storico si presenta ben conservato e ricco di edifici storici come Casa Quaranta, risalente al XV secolo, e di numerosi palazzi tra cui: Palazzo delle Logge (sec. XVI), Palazzo Nanni (sec. XVII), Palazzo Ricciardi (sec. XVIII).

Numerose chiese popolano il centro abitato. La chiesa parrocchiale di Sant'Eustachio, forse edificata su un edificio romano, conserva al suo interno notevoli opere d'arte e la chiesa di San Rocco (sec. XVI).

Le secolari tradizioni del popolo si manifestano negli eventi e nelle feste che vengono organizzate durante l'anno. Tra le occasioni piu' sentite e attese i festeggiamenti in onore di Sant'Antonio da Padova, durante la terza domenica di giugno e la Settimana Spirituale nelle ultime due settimane di luglio.
Si continua il 17 settembre con la festa dedicata alle Stimmate di San Francesco d'Assisi e con la festa patronale di San Eustacchio e San Rocco, dal 19 al 21 settembre.

Per sciare...

Gli impianti da sci di Campo di Giove, a 2 km dal paese, attualmente funzionanti sono la Seggiovia Le Piane con una lunghezza di mt. 1455 e dislivello mt. 513 che vi portera' dalla base dell'impianto situata a mt. 1160 all' arrivo a mt. 1676 ove si potra' usufruire della sciovia Serra Campanile che raggiunge la quota di mt. 1787 sul livello del mare.

Inoltre a 8 km dal paese ci sono gli impianti di Passo San Leonardo a mt. 1282 che dispone di 2 skilift e di un tapis roulant per i piu' piccoli.

Per lo sci di fondo abbiamo un anello sull'altopiano tra Passo San Leonardo e Fonte Romana di 8 km di lunghezza.

Inoltre si puo' praticare lo sci - escursionismo, ad esempio seguendo l'itinerario Rava, dalla Giumenta Bianca al Monte Amaro con 1500 metri di dislivello.

Campo di Giove dista 20 km dall'Aremogna che si puo' raggiungere in 30 minuti seguendo due itinerari pressocche' simii, l'uno passando per il valico della Forchetta, l'altro per il bosco di Sant'Antonio.

Sciare a Campo di Giove
Sciare a Campo di Giove
Sciare a Campo di Giove
Sciare a Campo di Giove
Sciare a Campo di Giove
Sciare a Campo di Giove

Percorsi naturalistici

Il Guado di Coccia (1674 m) separa la Majella dal monte Porrara.
E' stato da secoli uno snodo importante per chi dalle zone del mare doveva recarsi verso l'interno dell'Abruzzo e chi invece dall'entroterra abruzzese doveva raggiungere le zone costiere.
Fu teatro di scontri durante la seconda guerra mondiale…

Parcheggiate le macchine poco fuori il paese di Campo di Giove, seguiremo subito il Sentiero della Liberta' che attraverso prati e faggete ci condurra' alla chiesa della Madonna di Coccia, una chiesa tratturale edificata su un'antica mulattiera intensamente utilizzata da pastori e pellegrini. Il nome deriva dal bassorilievo di una Madonna con Bambino che era posto su un altare.

Da qui poi, attraverso un comodo sentiero, con stupendi affacci su Campo di Giove e sul Pizzalto a sud-ovest, ci dirigeremo verso il Guado di Coccia e l'omonima vetta (1800m circa), dove potremmo ammirare tutto il territorio del versante orientale della Majella.

Questa e' l'area frequentata dal lupo, dalla volpe, dal cervo dai caprioli, e dall'aquila.

Trekking a Campo di Giove
Trekking a Campo di Giove
Trekking a Campo di Giove
Trekking a Campo di Giove
Trekking a Campo di Giove
Trekking a Campo di Giove